La Pietra dei Sogni di Antonella Cavallo è la rielaborazione di un amore vissuto in gioventù che non ha avuto un esito felice. Lucrezia, sposata da anni con Davide, riceve l’invito a partecipare al funerale del suo ex-fidanzato Filippo e ciò la conduce a rivivere eventi passati e sepolti in qualche angolo buio della sua mente.
Un’antica dimora sulle alture del lago Maggiore, disabitata e in decadenza, è il dono di fidanzamento che il notaio milanese Filippo Odescani offre a Lucrezia, figlia dell’imprenditore tessile Giampaolo Galeari Galeni. Un pegno ideale più che un reale omaggio, a cui segue la promessa della donna di prendersi cura della ristrutturazione dell’immobile: intento di Filippo è creare un nido d’amore per consolidare la relazione sentimentale. L’incontro con Davide Cecchi, impresario che coordina i lavori di restauro, metterà in serio pericolo i sentimenti di Lucrezia travolgendola in un turbinio di emozioni. Filippo è un uomo dal temperamento tiepido, con segrete tendenze omosessuali e il preventivato matrimonio è solo un paravento perbenista per consolidare la propria posizione sociale e tacitare ogni scrupolo di coscienza.
La storia in seguito vira decisamente al giallo, con un evento funesto che turba il già movimentato menage della ricca famiglia Galeari Galeni: la morte improvvisa di Clara. Chi ha ucciso l’intrigante zia? A fornire un contributo alla risoluzione del mistero sarà Lucrezia, che indagando a ritroso tra i fatti di famiglia porterà alla luce antichi rancori, intrighi e segreti misteriosi tra le pieghe fumose della sua famiglia. Non tutti i componenti sono così cristallini e innocenti come appare in superficie. Ci sono verità nascoste e nel fango oscuro in cui nuotano alcuni familiari, emerge la soluzione e la ragione dell’omicidio. La lettura di vecchi scritti di Filippo, porterà Lucrezia alla riscoperta di un passato lontano, in bilico tra reticenze e ipocrisie rivelando una scottante verità. Due elementi imprimono alla storia una marcata connotazione: il milieu sociale dei personaggi, oggetto di una descrizione a distanza ravvicinata che ne esalta vizi e virtù, e il con
testo geografico con una Milano osservata tra le pieghe più riposte ed evocata nella sua natura autentica: va letto in tal senso l’inserto sulla zona dei Navigli, variopinto affresco brulicante di vita, popolato da personaggi caratteristici, tra cortili suggestivi e case di ringhiera.

Autore : Antonella Cavallo
Genere : Giallo
Editore : Akkuaria
Codice EAN: 9788863281187
Pubblicazione  2012
 Pagine  187

 

Disponibile su

amazon_it

 Social

Facebook-logo-png-2

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *