L’amante di Cristo di Alessandro Zannini,  è una mescolanza di realtà e fantasia, l’intera vicenda narrata elaborata su diversi episodi realmente accaduti, svoltasi in luoghi esistenti, e i cui personaggi principali rimandano a figure verosimili, tra cui: il cardinale Hòffemerg, la piccola Ilaria, il ras politico Giuseppe Palmieri, don Luigi, giovane sacerdote assassinato dalla camorra per aver sollecitato la ribellione etica, proprio come don Peppino Diana.
Indiscutibilmente vera è la forza morale di monsignor Raffaele Nogaro, vescovo emerito di Caserta, difensore degli umili, degli emarginati, dei bisognosi di cibo e di cittadinanza, degli scarti d’umanità, dei privati di opportunità e diritti, delle vittime di ogni forma d’ingiustizia e di sopraffazione.
Il romanzo narra le vicende di questo alto prelato, il cui magistero ha sovente suscitato scandalo in quella parte della gerarchia ecclesiastica protesa a vivere l’uomo anzichè Gesù; le sue innumerevoli battaglie civili, la sollecitazione alla ribellione etica, la formulazione di un magistero della legalità.
Ma L’amante di Cristo è anche un un continuo interrogarsi sui temi della fede e della trascendenza, i molteplici dubbi che affliggono qualsiasi fedele, laico e ateo. La domanda di comprensione del dolore, il rapporto con Dio sono tematiche universali, che investono ogni persona, qualsiasi la latitudine, il credo, le ideologie, l’orientamento sessuale, il colore della pelle, perché la spiritualità appartiene a tutti gli esseri umani.
L’amante di Cristo affascina per i suoi molteplici contenuti e per la qualità della scrittura, agevole e attrattavia, in una tensione emotiva che non lascia respiro, pagina dopo pagina, fino all’ultima.

Autore : Alessandro Zannini
Genere : Romanzo
Editore : Mediterraneo Editrice
Codice EAN:  9788889408913
Pubblicazione  2015
 Pagine  208

 

Disponibile su

 

 Social

Facebook-logo-png-2

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *