A cosa serve un libro di poesie? A spiluccare frasi ogni tanto, tra un lavoro e l’altro, tra una conversazione e una gita, tra un’effusione e la pulizia del bagno. Si apre una pagina a caso, si legge in fretta, si posa il libro e allora quelle parole ci seguono nelle urgenze di ciò che dobbiamo fare. Non chiedono di essere interpretate. Vogliono solo farci compagnia. E ci riescono. Usando una delle virtù più strepitose che esistano al mondo: la discrezione.

Una buona strategia è poggiare a caso un libro di poesie in ogni angolo dell’appartamento, in ogni stanza, affinché non si faccia nemmeno fatica ad allungare la mano per prenderlo. Appena c’è una pausa, un momento di tranquillità, ci si siede ovunque e si torna a leggere. Per qualche minuto. Poi, via…

A questo serve, un libro di poesie. A leggerlo quasi senza accorgersene. Scoprendo, dopo una settimana, di saperlo tutto a memoria. Eppure non c’è stato alcuno sforzo.

A questo serve, la poesia. A imparare tutto di nascosto agli altri. E a tenerselo tutto per sé.

Autore : Nadia Sponzilli
Genere : Poesia
Editore : Il Mio Libro
Codice :
Pubblicazione  2015
 Pagine  171

Disponibile su

ilmiolibrokataweb

Altri Contatti

Email Chat Facebook-logo-png-2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *